Cambiare Materasso: Scopri quanto Dura per Non Avere Dolore

Prima di decidere se cambiare il proprio materasso oppure no occorre prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali. Tra questi spicca sicuramente l’età del materasso indipendentemente dalla sua resistenza strutturale. Di conseguenza se lo usate da parecchio tempo, è naturale pensare di sostituirlo. Tenendo bene a mente che a definire il suo tempo di utilizzo sono proprio i nostri movimenti sul letto, che a lungo andare riducono drasticamente le sue stesse potenzialità. Un altro aspetto pertinente è la funzione del materasso e quindi la ragione legata al nuovo acquisto.

Cambiare Materasso

Cambiare quello già in uso per comprarne un altro dal funzionamento più specifico, come potrebbe essere nel caso in cui volete comprare un materasso più spazioso o semplicemente più ergonomico con lo scopo di soddisfare le vostre esigenze personali. Un altro campanello d’allarme che dovrebbe spingervi a cambiare il materasso è legato alla vostra comodità. Se per esempio vi sentite comunque stanchi anche dopo aver riposato allora vuol dire che dovete iniziare seriamente a pensare di dover cambiare il materasso. Perché questo malessere porta ad una sola conclusione: non stai riposando in maniera adeguata e quindi necessiti per il tuo sonno di un confort maggiore. Su questa lunghezza d’onda i dolori articolari continui si rivelano un segnale determinante che ci informa sulla reale necessità di cambiare il nostro materasso. In tal senso se al mattino sentite dei dolori articolari lungo le spalle la schiena, non dovete solo modificare la vostra posizione ma cambiare materasso.

In questa lista di segnali non va dimenticato l’aspetto legato alla rumorosità del letto che per alcuni è un motivo prioritario da spingerlo a cambiare subito il supporto per il suo rituale riposo. Tenendo bene a mente che i materassi che solitamente tendono a portarvi al centro a lungo andare diventano molto scomodi sia per la schiena che per le spalle. Per questo è di vitale importanza che essi sianoergonomici e quindi adattati alla colonna vertebrale e a tutti i muscoli del dorso. In ogni caso prima di accedere all’acquisto di un nuovo materasso è necessario verificare lo stato di usura del materasso per vedere se ci sono dei danni e dei cedimenti oppure semplicemente è diventato troppo scomodo. Di conseguenza per assicurarvi il miglior riposo possibile è necessario verificare questi aspetti di cui vi abbiamo parlato in modo da capire se sia necessario oppure no cambiare di fatto il materasso che accompagna il sonno delle vostre notti.

Arrivati a questo punto una domanda è lecita: ma quanto può durare un materasso? In effetti sono tanti i fattori che possono contribuire alla sua usura spingendoci a cambiarlo nell’immediato per garantirci un sonno degno del suo nome. Generalmente si tende a cambiare un materasso dopo qualche anno, anche se questa regola varia a seconda del tipo di modello che abbiamo a disposizione. Per questo solitamente si sceglie di comprare un materasso dal materiale rigido e resistente, in modo che possa durare molto di più dei suoi competitors. In ogni caso per capire se è arrivato il momento del nuovo acquisto occorre sempre indagare sulla sua attuale condizione strutturale.

In quest’ottica molti presentano problemi legati all’irritazione e al bruciore degli occhi, senza sapere che potrebbe essere la batterica del materasso stesso. Ragion per cui se tenete alla vostra salute non dovete sottovalutare questo passaggio, e pensare in maniera erronea che un materasso vale finché regge. Non ha nessun senso dormire su un modello che può provocarvi dei problemi alla vostra salute. Noi personalmente vi consigliamo di scegliere i migliori materassi sulla base della sua qualità e quindi sul suo potenziale in termini di confort.